ADOTTIAMO POLZ!

 

La prima volta che ho incontrato Polz, non si chiamava così.
Era la vacca 5793, era scheletrica, era legata all’interno di una stalla fatiscente, catena al collo e corde alle zampe.
Era una delle otto mucche che sono sopravvissute all’inferno della stalla di Suzzara, e di cui potete leggere la storia qui:

http://goo.gl/Pr9OI8
http://goo.gl/OAA3dg
http://goo.gl/kSi7GC
http://goo.gl/ma7hTF

Il 30 settembre 2015 lei, insieme ad altre due, è arrivata ad Agripunk Onlus.
E qui le hanno fatto il bello scherzo di darle un nome che ricordasse il mio, che l’avevo conosciuta quando era schiava, e che avevo creduto, insieme a persone meravigliose come Sara di Vitadacani, Ines, Sara e altre, che l’impossibile potesse diventare realtà.

Adesso Polz è libera.
Vive in una grande stalla (che una volta era un capannone dove migliaia di tacchini sopravvivevano in attesa di essere caricati su un camion e ammazzati) insieme alle sue due amiche Verdena ed Io.

E’ finalmente ingrassata, è tranquilla, corre e salta.
Solo le cicatrici che porta addosso ricordano la mucca triste che conobbi io.

Come lo scorso anno, vi chiedo di aiutare chi le ha dato una casa, la sfama e la accudisce, l’ha trasformata in una mucca felice.
Basta poco. Basta il costo di un caffè al giorno.
Trovate qui come fare:
http://goo.gl/BH4eI8
Se puoi aiutare, fai una donazione specificando “adottiamo Polz”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...