I CIRCENSI E L’ARTE DELLA MENZOGNA

IT

Lunedì primo agosto il portale dell’Ente Nazionale Circhi pubblica in evidenza un articolo sul Messico.

Qui, nel 2014, è stata approvata una legge che vieta l’utilizzo nei circhi, su tutto il territorio nazionale, di animali selvatici ed esotici.

Il risultato epocale è frutto di un intenso lavoro, svolto in tutto il Sud America, da Animal Defenders International. Lavoro fatto di investigazioni sotto copertura, denunce, informazione, dibattiti, e che ha portato alla luce, in maniera innegabile e incontrovertibile, cosa significhi essere un animale da circo.

Se volete un assaggio, potete guardare questo video, Unnatural Acts:

E cosa dice l’articolo? Dice che un portavoce dell’ente per la protezione ambientale messicano (Procuraduría Federal de Protección al Ambiente), la veterinaria Teresa Moreno, spiega che il bilancio del divieto è stata “una tragedia” che ha avuto conseguenze disastrose in termini “sociali, economici e ambientali”. “I circhi hanno smesso di lavorare, hanno chiuso e sono falliti”, con conseguenze anche su tutto l’indotto. Si sono persi migliaia di posti di lavoro, è venuto meno “un sano divertimento per tutti” e per gli animali “il mercato ha realizzato la situazione ed ha approfittato”. Non solo. “Sradicati dal loro habitat, nel quale avevano sempre vissuto, fatto anche anche gli stimoli che ricevevano ad ogni esibizione”, quegli animali – anche quelli che sono finiti negli zoo e in strutture protette – “hanno sofferto di depressione, si sono ammalati e in molti casi sono morti”

Da questa tragedia immane si deve ovviamente trarre un insegnamento:

E’ un fatto, non un’opinione. Il circo in Italia lo ripete da anni che una legge che dovesse costringere i complessi a privarsi dei loro animali, nati in cattività e cresciuti nei circhi, produrrebbe effetti disastrosi per gli animali e per le imprese del settore. Ora ci sono anche esperienze – purtroppo – che lo attestano. Il parlamento italiano farebbe bene a documentarsi e a riflettere prima di attuare propositi “animalisti” che cozzano col buon senso, la ragione e la scienza.

Smascherare quest’ennesima menzogna non è stato difficile.

Intanto, i circhi messicani, a fronte di un’indagine governativa svolta nel 2013, erano risultati fuori legge nel 72% dei casi, con gravissimi casi di maltrattamento animale conclamato e comprovato. Cosa che non stupisce. Anche tra i circhi e gli zoo italiani i casi sono tanti e ricorrenti. Non ostante le vuote parole di veterinari e proprietari delle varie strutture.

E, andando a fare un paio di ricerche, vien fuori che Maria Teresa Moreno Manzanilla non è affatto portavoce dell’ente governativo citato. Tutt’altro.

E’ la proprietaria di un’azienda, che si chiama Exoticos Y Salvajes, specializzata nella vendita di animali esotici e selvatici, della loro cessione in affitto per fiere, spettacoli, eventi, spot e film, nonché nella cattura di animali fuggiaschi, e nell’assistenza legale e tecnica a circensi e gestori di zoo per quanto riguarda tutte le pratiche di autorizzazione per la detenzione di animali.

E finisce che ti imbatti nell’intervista vera alla Moreno, e scopri che quel che viene affermato è ben diverso da quanto riportato su circo.it. Ovvero, che del 1298 animali posseduti dai circhi messicani, soltanto 300 sono ancora in vita. Ma perché tutti gli altri, a fronte di mancati controlli, sono stati venduti a commercianti, collezionisti privati, tassidermisti, trafficanti di pelli. Perché i loro proprietari, quei circensi così impegnati nel garantire il benessere e la felicità dei “loro” animali, se ne sono sbarazzati in fretta e furia, per evitare eventuali sanzioni, non appena approvato il bando. Senza minimamente curarsi del loro destino.

Pensiamo a questa storia, la prossima volta che un allevatore, un circense, un veterinario colluso, ci viene a parlare di benessere animale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...