SCILLA

Ci sono storie che finiscono bene. Talmente bene da riempirti il cuore di speranza e gli occhi di lacrime di gioia.

In attesa di riuscire a tornare nell’isola di Agripunk, e di conoscerlo di persona, voglio condividere la sua meravigliosa storia (l’originale lo potete leggere qui).

Scilla, che si è ribellato al suo destino di schiavo. Che con coraggio e determinazione è fuggito. Che ora è finalmente libero.

Nella mitologia il mostro Scilla sarebbe nascosto in una grotta della Calabria, però prima di essere mostro, Scilla fu una ninfa che amava molto le spiagge di Messina.
“Scilla, “Colei che dilania”, che strappava i marinai dalle loro navi ogni volta che passavano vicino la sua tana nello Stretto di Messina, non era sempre stata un mostro.
Aveva un passato felice, ma come in molte tragedie dell’antichità, l’amore è capace di generare mostri, per scelta propria o per intervento di esseri gelosi.
Prima del cambiamento Scilla era una ninfa e figlia, secondo una delle tradizioni mitologiche, della dea Crateiso, o per un’altra versione, generata da Forci (o Forco, divinità marina della mitologia greca, figlio di Ponto e Gaia) e da Ecate (dea degli incantesimi e degli spettri, rappresentata dal numero tre).
La graziosa ninfa amava le spiagge di Zancle, l’antica Messina e in quei luoghi amava passeggiare spesso. Purtroppo, proprio questi suoi frequenti passaggi in riva al mare, nella zona dello Stretto, causarono la sua rovina.” (fonte Grifeo)
Anche per il nostro Scilla passare per lo stretto poteva essere la sua rovina o solamente la fase intermedia di un lungo viaggio iniziato chissà dove che sarebbe dovuto terminare in Libano nell’unico modo in cui finisce purtroppo, la vita di un giovane vitello.
Invece lui ha avuto coraggio o impulsività o chissà quale altro strano sentimento che l’ha portato a sfuggire, prendere la rincorsa e tuffarsi nel mare dello stretto di Messina.
Volevamo che per lui questa avventura si trasformasse in rivincita, in salvezza ed è quello che è successo.

Era l’8 aprile quando, tra i soliti post di Facebook, tra un meme divertente e un post sullo squartamento di turno, apparve questa notizia:
IN MARE
Mucca salvata nello Stretto di Messina
Si tratta di un maschio di origine francese che, in caso di irrintracciabilità del proprietario, verrà dato in adozione.

Una scena da film, talmente surreale da far strabuzzare gli occhi a tutti i pendolari dello Stretto che, stamattina, se la sono ritrovata dinnanzi: una mucca, in carne ed ossa, nel bel mezzo del mare, che tentava di raggiungere la Rada San Francesco e quindi la salvezza.
Ci sono voluti parecchi istanti per realizzare davvero quello che stava accadendo, poiché nessuno si spiegava cosa ci facesse l’animale in acqua, nella rotta che di solito è “riservata” soltanto alle navi traghetto. E sono stati proprio loro, quelli che si trovavano a bordo, a notare la strana macchia scura tra le onde ed avvertire la Capitaneria di Porto. Poi la segnalazione è volata alla Sala Operativa dei Vigili del Fuoco e così la squadra dei pompieri si è subito messa all’opera. Dopo varie peripezie, e quasi tre ore di “manovre”, la mucca è stata recuperata e portata sulla terra ferma. Dopo aver sostato per qualche ora nel piazzale della Caronte, dove è anche stata visitata dal veterinario, adesso la “miracolata” si trova in un allevamento di Mili San Pietro. A portarla là sono stati gli agenti della sezione Annona della Polizia Municipale, ai comandi di Biagio Santagati, cui adesso spetterà anche il compito di rintracciare il vero proprietario del vitello. Lo stesso, infatti, risulta microcippato e identificabile. Si tratta di un maschio di origine francese che, in caso di irrintracciabilità del proprietario, verrà dato in adozione. (Veronica Crocitti)

Appena letto l’articolo, cerchiamo subito i contatti e telefoniamo a chi di dovere per proporci come adottanti dandogli da subito un nome, per renderlo individuo, per renderlo fuggitivo, per renderlo rifugiato… un nome con un significato ben preciso.
Facciamo partire dei mail bombing, aiutati da Resistenza animale, per convincere tutte le persone coinvolte nel suo salvataggio a riconoscere il suo gesto.
Il primo mail bombing ha smosso le acque e gli ha assicurato la salvezza, poi ne sono dovuti seguire altri quando la situazione sembrava essere in stallo e tutti questi appelli sono stati accolti con entusiasmo.
In tantissimi avete scritto… dopo la prima settimana ci dicevano che erano arrivate 1000 mail almeno!
Nel frattempo restavamo in contatto stretto con il Comune e l’Asp anche grazie ad Alessandra, volontaria Enpa, che nonostante sia sempre straimpegnatissima e superattiva tra la sua famiglia e gli animali che salva e fa adottare, è stata i nostri occhi e le nostre orecchie a Messina per tutto questo tempo.
Sono passati gli esami e le vaccinazioni, sono passate le ferie e finalmente, dopo 5 mesi, è arrivato l’affido!
Poi gli ultimi ostacoli burocratici risolti grazie all’Enpa nazionale ai quali siamo davvero molto grati per l’aiuto datoci.
E finalmente, eccolo qui!
Tutto questo grazie anche a voi…. tutte e tutti voi che avete accolto non il nostro appello, bensì il suo appello!
Appello alla resistenza che Scilla ha voluto lanciare nella maniera più plateale: gettandosi in mare, tentando la fuga nuotando, ribellandosi rifiutandosi di salire di nuovo in un’altra nave ancora per raggiungere la sua destinazione… il Libano.
Scilla è riuscito grazie a tutt* noi ad uscire da questo sistema.
E’ stato affidato a noi come animale NON da macello, una definizione che lo rende libero dall’industria della carne e del latte.
Una definizione necessaria per poter entrare nel nostro rifugio che ora sarà la sua casa, in quanto qui nessuno è da macello o meglio, tutt* sono fuori dalla catena alimentare.
Il nome Scilla è stato scelto da noi per alcuni motivi: essendo in alcuni articoli chiamato “mucca” ed in altri “vitello” e non avendo per noi nessuna rilevante importanza il sesso o genere di appartenenza di alcun individuo, abbiamo deciso di ribattezzarlo così perchè il nome Scilla, con qualche variazione e anagramma, ricorda il nome Sicilia.
Inoltre, come spiegato nel prologo, per il legame di questo nome con Messina e per ricordare quello che questa città ha fatto per lui.

Vuole essere anche un richiamo alla Calabria, visto che pochi giorni dopo la vicenda di Scilla, una vitellina proprio in provincia di Reggio Calabria ha tentato anch’essa la fuga.
Fuga che non è finita bene come per lui visto che è stata uccisa a colpi di fucile.
Quindi si, il richiamo anche alla Calabria è voluto in onore suo, vitellina per la quale nessuno ha potuto intervenire perchè troppo frettolosamente è stata decisa la soluzione più rapida e letale.
In cuor nostro rimarrai sempre un triste ricordo piccola Calabria, per noi sarai sempre la nostra Cariddi.

Comunque almeno Scilla è riuscito a sfuggire ed è un grande regalo oltre che per lui ovviamente, anche per noi e per le nostre amiche mucchine.
Qui troverà una madre che lo aspetta, una madre alla quale avevamo fatto una promessa.
Una madre che quasi un anno fa perdeva il suo ultimo figlio perchè credeva di aver perso la speranza.
Le avevamo promesso di salvare un altro figlio in nome del suo, in nome di Siria per ravvivare quella speranza che troppo spesso si affievolisce sommersa dalle brutte notizie.
E così è stato fatto, ad ogni costo, perchè una promessa fatta ad una mucca è una promessa solenne che va onorata.

Si chiude così un cerchio.
Le 3 mucchine di Suzzara e i discendenti della loro storia: Siria, Stella e ora Scilla.
3 vitelli diversi, dalla storia diversa, dalla sorte diversa ma con tante cose in comune da raccontare.
Che per noi è una nuova promessa da mantenere.

Ringraziamo Resistenza Animale che ci ha aiutati diffondendo gli appelli, ringraziamo tutte le persone e le associazioni che ci hanno aiutato diffondendo e scrivendo solidarietà, ringraziamo l’Enpa per l’intervento prezioso di Alessandra che non smetteremo mai di adorare per l’impegno che ha messo in questi quasi 7 mesi, ringraziamo l’assessore Ialacqua, il Sindaco Accorinti e i dottori Ruggeri e Calabrò dell’Asp di Messina che, nonostante i mille inghippi burocratici, hanno permesso la sua salvezza, ringraziamo tutt* voi che in questi mesi avete chiesto sue notizie e avete diretto anche solo per un attimo i vostri pensieri a questo bel vitellozzo.

Grazie a chi dall’inizio ci ha aiutati economicamente per sostenere le spese del viaggio e della recinzione di ambientazione con benefit e donazioni e grazie a chi vorrà aiutarci ora per la castrazione (obbligatoria) e per le altre spese relative al suo mantenimento, alle visite e alla sua riabilitazione oltre che per le altre spese del rifugio.
Chi volesse darci un altro aiutino quindi, lo può fare con una donazione qui:

conto Banca Etica n° 216509 Intestatario AGRIPUNK ONLUS 
IBAN IT47 C050 1802 8000 0000 0216 509
causale “donazione per Scilla” o “donazione per recinzioni”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...