Archivi tag: resistenza animale

E’ guerra alla libertà

dark-woods-wallpaper-hd-1

Giusto un anno fa, più o meno in questi giorni, venivo contattata dalla mia amica Antonella, che vive a Pantelleria.

Chiedeva aiuto per tre tori che da anni vivevano liberi nella sua isola. Un recente e grave incendio li aveva privati del cibo, e il gran caldo e l’arsura dell’acqua. Così si erano visti costretti ad avvicinarsi alle abitazioni nel tentativo di sopravvivere.

E prontamente il sindaco dell’isola aveva emesso un’ordinanza di abbattimento, al fine di salvaguardare l’incolumità degli umani.

Sempre la stessa storia, che si ripete uguale a se stessa ogni qualvolta si verifichi un incontro scontro tra animali liberi, nel loro mondo libero, e animali umani, convinti di essere gli unici a poter disporre di questo pianeta.

Ma quella volta era andata diversamente. Ci siamo messe a tavolino. Io, Antonella e gli Agripunkers. Abbiamo scritto un primo articolo, promosso una petizione, coinvolto piccoli gruppi e collettivi, come quello di Resistenza Animale.

Senza aiuto alcuno da parte delle grandi associazioni (a parte un tardivo tentativo di Animalisti Italiani di impadronirsi della campagna e fregiarsi della vittoria), in poco tempo abbiamo raccolto più di 30 mila firme, coinvolto la stampa locale e nazionale, creato un tal clamore da spingere il sindaco a convocare Antonella e concordare una soluzione alternativa all’uccisione.

I tori, pian piano, sono stati guidati verso una valle lontana dall’abitato. Alcune persone del luogo si sono impegnate a fornire loro acqua e cibo.

Ed è stato così che due di loro (un terzo è stato ucciso comunque), ad oggi, possono ancora vivere tranquilli. Liberi. Padroni della loro vita. Nella terra che è la loro casa, e non esclusivo appannaggio della specie dominante.

Si è trattato di una vittoria epocale.

Ma soprattutto di una vittoria che avrebbe dovuto fare scuola, un approccio che sarebbe dovuto diventare comune e consolidato ogni qualvolta si fosse presentato un evento simile.

Ma così non è stato.

Dei tori di Pantelleria quasi nessuno ha parlato.

Di trovare una soluzione simile per altri animali liberi e selvaggi non si è quasi mai provato.

Non nel caso delle mucche di Brenna, fuggite durante il trasporto da un alpeggio francese ad una fiera del bestiame, che le avrebbe viste messe in vendita per poi essere rinchiuse in qualche allevamento fino alla morte. Da mesi le due mucche vivevano libere e amate dalla gente del posto, sicure e monitorate. Ma che sono finite in un recinto di un rifugio, con un nome ridicolo. Il post del rifugio in questione, involontariamente, ci racconta di quanto questa fine non sia quella che le due evase avrebbero voluto. Si chiedono infatti che mai sarebbero riusciti ad “acchiappare” le due mucche.

O di recente le mucche libere di Carpineto Romano. Sono centinaia, e da tempo vivono libere, ormai rinselvatichite, allo stato brado. Come ogni mucca, ogni vitello, ogni toro vorrebbe vivere.

Non nel caso dei tanti cinghiali che, spinti dalla penuria di cibo, dalla sovrapopolazione causata dalle immissioni in natura da parte dei cacciatori, dalla depauperazione del territorio sempre più antropizzato, sempre più spesso si spingono nelle città e nei paesi in cerca di cibo.

Per loro, nel peggiore dei casi l’uccisione o la cessione a aziende venatorie, nella peggiore la reclusione a vita in recinti che, per quanto grandi possano essere, non saranno mai paragonabili all’infinita vastità dei loro boschi e dei loro monti.

Da ultimo, oggi, la tragica fine di KJ2. Colpevole, come altri orsi prima di lei, soltanto di vivere nel suo territorio, e difendersi dall’intrusione di estranei, spesso minacciosi e pericolosi.

Questa notizia, legata a tante storie terribili di cinghiali e a quella di mucche condannate a morte perché libere e considerate pericolose per l’incolumità umana, è un pugno allo stomaco.

E’ evidente come stia diventando una emergenza primaria la difesa dell’animale libero nel suo ambiente libero.

E chi lotta per la liberazione animale dovrebbe lottare per la libertà degli animali, non solo per la loro salvezza fisica. Non dovremmo inscatolare chi è libero, con il nobilissimo fine di salvarlo dai cacciatori e dai mille pericoli di un mondo non sempre a sua misura, ma salvaguardarne la libertà.

Dovremmo tornare non solo nelle piazze, ma anche nei boschi.

Dovremmo imparare dalle passate esperienze.

A cominciare dagli anni Cinquanta e Sessanta, degli Hunt Saboteurs Association e della League Against Cruel Sports. Dalle azioni della Band of Mercy.

Dovremmo lottare al loro fianco. Solidali con la loro resistenza, che è anche la nostra. Per la loro libertà che è anche la nostra.

Fonti:
Sui tori di Pantelleria:
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2016/08/09/news/pantelleria_salvi_i_tori_che_vivono_sull_isola_il_sindaco_revoca_l_ordinanza-145675763/
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2016/08/09/news/pantelleria_il_comune_vuole_abbattere_i_tori_allo_stato_brado_il_web_si_mobilita-145660896/
https://www.greenme.it/informarsi/animali/21128-tori-pantelleria-salvati#accept
https://www.change.org/p/salviamo-i-tori-di-pantelleria
Sulle mucche di Brenna:
http://www.laprovinciadicomo.it/stories/cantu-mariano/erano-fuggite-dalla-fiera-di-alzate-atena-e-rosetta-avvistate-a-brenna_1217539_11/
https://www.nelcuore.org/home/2017/02/09/como-mucche-in-fuga-cercano-casa/
https://www.facebook.com/events/167122613785951/permalink/173289756502570/
http://www.radiopopolare.it/2017/02/athena-e-rosetta-in-fuga-per-la-vita/
http://www.ilgiorno.it/como/cronaca/mucche-in-fuga-1.2876962
Sulle mucche di Carpineto Romano:
https://resistenzanimale.noblogs.org/post/2017/08/10/licenza-di-uccidere-per-i-bovini-liberi-di-carpineto-romano/
https://video.repubblica.it/edizione/roma/carpineto-romano-bovini-nel-centro-del-paese/281455/282050
http://www.casilinanews.it/39976/attualita/bovini-liberta-carpineto-romano-video-andato-onda-striscia-la-notizia-ieri.html
Sui cinghiali:
http://www.lastampa.it/2017/04/04/societa/lazampa/animali/la-battaglia-delle-citt-invase-dai-cinghiali-0vo8DH9hiMhlNp7Et9Nk7H/pagina.html
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2017/04/12/ASqj1SxG-cinghiali_esperto_mangiare.shtml
http://www.corriere.it/cronache/17_marzo_25/cinghiali-citta-come-fermarli-21cf9d80-10ca-11e7-8dd1-8f54527580f3.shtml
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2017/05/20/AS2nCxUH-abbattuto_cinghiale_comunioni.shtml
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2017/05/03/ASweqoFH-cinghiali_settembre_galliera.shtml
http://www.lastampa.it/2017/07/05/edizioni/novara/il-cinghiale-martino-salvato-a-genova-ora-la-mascotte-sulle-colline-di-agrate-qPQHvz9LCmOqTW4GiKM70O/pagina.html
http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2017/06/25/news/cinghiale-tra-i-bagnanti-a-calignaia-1.15535670
http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2017/08/12/news/catturati-i-primi-cinghiali-alla-spiaggia-di-calignaia-1.15727795
Su KJ1:
http://www.corriere.it/cronache/17_agosto_01/orso-trentino-enpa-colpo-scena-uomo-ha-aggredito-orso-743d192a-76bf-11e7-891a-91d906aac00b.shtml
http://www.corriere.it/cronache/17_agosto_13/orsa-kj2-stata-abbattuta-pericolosa-gli-uomini-recidiva-trentino-2298dafc-7fff-11e7-a3cb-7ec6cdeeea93.shtml
Sull’imparare dal passato :
Keith Mann, From Dusk ‘til Dawn
Steven Best – Anthony J. Nocella, Terrorists or Freedom Fighters? Reflections on the Liberation of Animals
E per leggere e pensare:
Wu Ming 2, Guerra agli Umani

#Livexport: natale a bordo

christmas-present

La dottoressa Lynn Simpson è uno dei veterinari con la più lunga esperienza sulle navi bestiame. Ha solcato i mari per ben 57 volte, sulle lunghe tratte e sulle brevi, lavorando per ogni compagnia che opera nel live export australiano. Fin dal primo viaggio, ha cercato di denunciare le condizioni di estrema sofferenza a cui sono sottoposti gli animali. Costretti a viaggiare immobili e in piedi per settimane, immersi nei liquami delle proprie deiezioni, a bere acqua e mangiare cibo contaminati dalle feci. Animali che nelle feci affogano. Dopo aver raccolto (invano) prove per anni, la dottoressa Simpson lascia il live export e nel 2012 passa a lavorare per il governo australiano. Con il compito di coadiuvare il ministero dell’agricoltura a riscrivere le norme ed i regolamenti per il benessere animale sulle navi cargo. Redige un dettagliato rapporto, corredato da fotografie scattate negli anni. Un impietoso ritratto di quel che il live export è realmente, al di là delle immagini e delle rassicuranti notizie diramate da armatori e esportatori. Si tratta del primo rapporto redatto da un veterinario impegnato a bordo, e per di più corredato di fotografie. Un documento esplosivo. Tanto che il governo ne vieta la pubblicazione. Ma – per errore o meno – questo viene caricato sulla pagina web del dipartimento dell’agricoltura, rendendolo quindi pubblico. La carriera della dottoressa Simpson è segnata. Per ordine esplicito della lobby del live export viene licenziata dal governo.Ci sono volute le terribili immagini di vitelli, caricati in Australia e trasportati per settimane, uccisi a colpi di martello in un macello vietnamita, e il clamore suscitato, per far sì che i portavoce dell’industria ammettessero che le denunce portate avanti dalla Simpson avessero qualche fondamento. E si dichiarassero pronti ad organizzare una tavola rotonda, con la partecipazione della stessa Simpson, per implementare il “benessere animale”. Regole sul “benessere animale” e controlli sul “benessere animale” redatti e organizzati da chi sugli animali lucra. Il controllato che controlla se stesso. Fumo negli occhi. Vuote parole.
La sua storia è stata raccontata in un articolo ABC News Australia che potete leggere qui, e che include anche un interessantissimo video.

Come molte altre persone, in tutta buona fede e con i migliori propositi, la dottoressa Simpson ha creduto di poter cambiare il sistema dall’interno. Risultandone inevitabilmente sconfitta.

I suoi racconti, le sue fotografie, le sue parole, sono comunque una importantissima testimonianza della realtà di questa industria, che macina ogni anno centinaia di migliaia di animali. Caricati a forza nei porti di mezzo mondo e costretti a viaggiare all’interno di mastodontiche navi negriere per settimane.

Il destino di Scilla.

Uno dei pochi che al suo destino è fuggito.

Uno dei pochi che ha vinto e si è salvato.

Uno dei pochissimi che questo Natale lo sta passando da animale libero, in un piccolo libero angolo di mondo.

Mentre, altrove, anche ora, l’unica cosa in cui tanti suoi simili possono sperare è una morte liberatoria e dignitosa. Magari anche un alito di quel che dovrebbe essere l’”umanità”. Come racconta Lynn Simpson in questo articolo che parla di un Natale a bordo.

Non sono mai stata una patita del Natale. Per mare ho imparato a celebrarlo alcuni anni, e ad ignorarlo altri.

Infatti, in alcuni casi, i comandanti delle navi con personale di varie nazionalità può decidere di ignorare ogni ricorrenza (religiosa e non), in modo da non scontentare o privilegiare nessuno. Altre volte invece ho assistito a celebrazioni continue, di ogni festa e ricorrenza di ogni religione e paese rappresentato a bordo. Natale, Eid, anniversari dell’indipendenza nazionale, compleanni, e chi più ne ha più ne metta.

Certo, la seconda opzione è quella che da risultati migliori. Laddove il morale è alto, si lavora meglio, e si produce di più. Ogni festa e celebrazione non fa altro che migliorare e non di poco la noiosa vita da marinaio.

E non è affatto difficile organizzare festeggiamenti su una nave. Bastano qualche lattina di Pepsi, limonata, un po’ di gelato, e magari del vino analcoolico sulle navi “asciutte” o birra su quelle “bagnate” ed il gioco è fatto. Se si è fortunati saltano fuori anche due o tre decorazioni, ed ecco che per quelle due o tre ore l’umore generale passa dalla stanchezza e frustrazione ad un’allegra spensieratezza.

E magari un po’ di malinconia per essere così lontani dai propri cari. Ma questo, ahimé, è inevitabile quando si lavora per mare.

Certo che il Natale a bordo ha tutto un altro sapore. Non è come passarlo a casa con la famiglia. Ma è un’occasione per stringere rapporti, scambiare auguri e convenevoli, magari imparando un paio di parole in una lingua che non conosci. E’ un modo per rompere la monotonia. E per sentirsi tutti un po’ più vicini.

In quei giorni, sembra quasi che aumenti anche la compassione verso gli animali che trasportiamo. Più di una volta ho sentito qualche membro dell’equipaggio augurare Buon Natale o Eid Mubarak a qualche agnello o vitello. Che di certo non ha compreso, e anche se avesse compreso non era di sicuro nella condizione di voler celebrare alcunché. Ma questi gesti riportano alla mente come un ricordo di cosa significa “umanità”.

Un anno avevamo lasciato Djibouti e stavamo navigando in acque ad alto rischio di attacco da parte di pirati, attraverso lo stretto di Bab el Mendeb, tra lo Yemen e l’Eritrea, diretti a nord verso il Mar Rosso.

Di solito in quelle zone la rete cellulare non funziona. Ma quel giorno il mio telefono squillò. Era una mia amica dall’Australia che mi augurava buon Natale.

Giusto la scorsa settimana lei mi ha ricordato di questa telefonata, e di come le abbia risposto che eravamo circondati da pirati, e che l’avrei richiamata da lì a qualche giorno. Una risposta di certo inaspettata, se non lavori per mare.

Lì, Natale era un giorno di lavoro come un altro.

E’ prassi comune, sulle navi che trasportano bestiame, affidarsi anche agli occhi dell’equipaggio per tenere sotto controllo lo stato degli animali. Di certo, i mandriani a bordo e la sottoscritta, da soli, non sarebbero mai in grado di controllare giornalmente qualcosa come 120.000 agnelli, o 20.000 vitelli, o un imprecisato mix dei due. Su navi di questa portata, il rapporto tra il numero di animali a bordo e il personale veterinario e di custodia, suona come una presa in giro. Sulle navi più piccole il compito è meno arduo, ma queste sono destinate ai brevi tragitti. Sulle lunghe tratte, invece, vengono impiegate le grandi navi, dove con il trascorrere dei giorni sia per gli animali che per chi ci lavora la fatica è tale da esauriti ogni forza.

Date le diverse culture con cui mi trovo a rapportarmi, non sempre è facile convincere il personale di bordo a riferire al “Dottore” che qualcosa non è stato notato, o è stato sbagliato. Per un innato senso della gerarchia e per un altrettanto innato sentimento di inferiorità nei confronti dei superiori, molti infatti tacciono, anche di fronte all’evidenza.

Per me invece ogni aiuto è importante. Una cosa di cui essere grata. Nella mia carriera ho incontrato tante persone eccezionali, che hanno lavorato al mio fianco. E vedere come venivano trattate dai loro superiori e datori di lavoro mi ha sempre fatto ribollire il sangue.

I dottori a bordo sono noti per essere un dito nel culo della gerarchia, e sono contenta di non essere stata da meno. Ancora oggi mi capita di ricevere sommesse parole di ringraziamento da parte dei sottoposti che ho difeso. E ne sono fiera. E’ segno che, non ostante tutto, non ho mai perso la bussola morale.

Un Natale stavamo attraversando l’Oceano Indiano. Faceva un caldo incredibile ed io avevo qualcosa come 20.000 vitelli sotto la mia custodia. Mentre correvo da un ponte all’altro per effettuare interventi chirurgici con diversi stadi di sedazione, un marinaio mi si avvicinò dicendomi che c’era un animale malato al ponte 14. Avevo appena iniziato ad operare, quindi gli dissi che avrebbe dovuto attendere almeno trenta minuti. Mi rispose con un “Grazie Dottore” e se ne andò. Terminai e mi recai al ponte 14, a babordo, lato esterno. Era tutto quello che sapevo.

Quello che trovai fu il più triste regalo di Natale che potessi ricevere.

C’era questo piccolo manzo, collassato, la testa tra le sbarre, incosciente ma che ancora respirava.

Non avevo riconosciuto il marinaio che mi aveva parlato. Aveva una maglietta gialla in testa, solo gli occhi visibili attraverso il buco del collo, le maniche legate dietro la nuca, in modo da proteggere il volto dalla polvere. Il classico dispositivo di protezione personale stile filippino.

Diedi un’occhiata al manzo e procedetti immediatamente con l’eutanasia. Non era cosciente, così non mi feci i 12 piani di scale e i 300 metri di corridoio per andare a prendere la pistola. Recisi la giugulare e la carotide con il mio coltello. Estrassi i vasi sanguigni con le mie dita, e il sangue si riversò fuori dal suo corpo insieme alla sua vita. Lui, incosciente e ignaro di quel che stavo facendo.

Quel che mi rimase impresso fu il fatto che, anche se il marinaio era impegnato in altro e non era suo compito occuparsi degli animali, lui aveva fatto tutto quello che gli era possibile per cercare di alleviare il dolore di quel vitello. Aveva preso un secchio, lo aveva rovesciato, e vi aveva adagiato la testa dell’animale, in modo da sollevare il collo dalla sbarra di ferro orizzontale. Aveva poi preso un pezzo di compensato per fargli ombra e cercare di dargli un minimo di sollievo dal caldo torrido, e solo dopo era corso a cercare me.

Non avevo mai visto nessuno fare tanto. Un raggio di umanità in un mare di inutile tristezza. Le lacrime mi riempirono gli occhi e mi solcarono le guance. Le asciugai e ritornai al lavoro.

Dopo due giorni capii finalmente chi fosse quel marinaio. Quando gli chiesi se era stato lui a chiamarmi per il manzo, mi rispose timidamente di sì. E si scusò per il fatto che non fosse sopravvissuto. Gli spiegai che il suo destino era comunque segnato, sarebbe morto comunque, e che gli ero grata per il fatto che avesse fatto di tutto per aiutarlo, anche se questo non era nei suoi compiti.

Aprii il mio portafogli e gli diedi 100 dollari. Mi guardò stupefatto. Fece per rendermeli, ma rifiutai. Provò di nuovo e di nuovo rifiutai. Era tutto il denaro che avevo con me.

Gli spiegai che in tutti i miei anni come veterinaria sulle navi bestiame avevo ricevuto aiuto da tanti membri dell’equipaggio, ma mai avevo assistito ad un gesto come il suo, al tentativo di dare sollievo alla sofferenza senza speranza di quel vitello, E per me questo era stato il più prezioso ricordo di cosa significhi umanità che potessi ricevere. Il suo era stato un regalo di Natale triste, ma importante.

Le marche auricolari del manzo finirono nel bidone dei deceduti, quello che chiamiamo RIP container, e una volta che il racconto del mio regalo di Natale, e della ricompensa ricevuta dal marinaio, cominciò a girare ricevetti un incredibile numero di segnalazioni di animali in difficoltà, anche se non in situazioni di emergenza, ma comunque buon per loro.

Buon Natale a tutti coloro che lo passano lavorando a bordo!

scilla

Scilla

Se fossi una che fa gli auguri di Natale, i miei auguri andrebbero invece a Scilla. E agli abitanti di quel piccolo angolo di mondo. Ad Agripunk.

SCILLA

Ci sono storie che finiscono bene. Talmente bene da riempirti il cuore di speranza e gli occhi di lacrime di gioia.

In attesa di riuscire a tornare nell’isola di Agripunk, e di conoscerlo di persona, voglio condividere la sua meravigliosa storia (l’originale lo potete leggere qui).

Scilla, che si è ribellato al suo destino di schiavo. Che con coraggio e determinazione è fuggito. Che ora è finalmente libero.

Nella mitologia il mostro Scilla sarebbe nascosto in una grotta della Calabria, però prima di essere mostro, Scilla fu una ninfa che amava molto le spiagge di Messina.
“Scilla, “Colei che dilania”, che strappava i marinai dalle loro navi ogni volta che passavano vicino la sua tana nello Stretto di Messina, non era sempre stata un mostro.
Aveva un passato felice, ma come in molte tragedie dell’antichità, l’amore è capace di generare mostri, per scelta propria o per intervento di esseri gelosi.
Prima del cambiamento Scilla era una ninfa e figlia, secondo una delle tradizioni mitologiche, della dea Crateiso, o per un’altra versione, generata da Forci (o Forco, divinità marina della mitologia greca, figlio di Ponto e Gaia) e da Ecate (dea degli incantesimi e degli spettri, rappresentata dal numero tre).
La graziosa ninfa amava le spiagge di Zancle, l’antica Messina e in quei luoghi amava passeggiare spesso. Purtroppo, proprio questi suoi frequenti passaggi in riva al mare, nella zona dello Stretto, causarono la sua rovina.” (fonte Grifeo)
Anche per il nostro Scilla passare per lo stretto poteva essere la sua rovina o solamente la fase intermedia di un lungo viaggio iniziato chissà dove che sarebbe dovuto terminare in Libano nell’unico modo in cui finisce purtroppo, la vita di un giovane vitello.
Invece lui ha avuto coraggio o impulsività o chissà quale altro strano sentimento che l’ha portato a sfuggire, prendere la rincorsa e tuffarsi nel mare dello stretto di Messina.
Volevamo che per lui questa avventura si trasformasse in rivincita, in salvezza ed è quello che è successo.

Era l’8 aprile quando, tra i soliti post di Facebook, tra un meme divertente e un post sullo squartamento di turno, apparve questa notizia:
IN MARE
Mucca salvata nello Stretto di Messina
Si tratta di un maschio di origine francese che, in caso di irrintracciabilità del proprietario, verrà dato in adozione.

Una scena da film, talmente surreale da far strabuzzare gli occhi a tutti i pendolari dello Stretto che, stamattina, se la sono ritrovata dinnanzi: una mucca, in carne ed ossa, nel bel mezzo del mare, che tentava di raggiungere la Rada San Francesco e quindi la salvezza.
Ci sono voluti parecchi istanti per realizzare davvero quello che stava accadendo, poiché nessuno si spiegava cosa ci facesse l’animale in acqua, nella rotta che di solito è “riservata” soltanto alle navi traghetto. E sono stati proprio loro, quelli che si trovavano a bordo, a notare la strana macchia scura tra le onde ed avvertire la Capitaneria di Porto. Poi la segnalazione è volata alla Sala Operativa dei Vigili del Fuoco e così la squadra dei pompieri si è subito messa all’opera. Dopo varie peripezie, e quasi tre ore di “manovre”, la mucca è stata recuperata e portata sulla terra ferma. Dopo aver sostato per qualche ora nel piazzale della Caronte, dove è anche stata visitata dal veterinario, adesso la “miracolata” si trova in un allevamento di Mili San Pietro. A portarla là sono stati gli agenti della sezione Annona della Polizia Municipale, ai comandi di Biagio Santagati, cui adesso spetterà anche il compito di rintracciare il vero proprietario del vitello. Lo stesso, infatti, risulta microcippato e identificabile. Si tratta di un maschio di origine francese che, in caso di irrintracciabilità del proprietario, verrà dato in adozione. (Veronica Crocitti)

Appena letto l’articolo, cerchiamo subito i contatti e telefoniamo a chi di dovere per proporci come adottanti dandogli da subito un nome, per renderlo individuo, per renderlo fuggitivo, per renderlo rifugiato… un nome con un significato ben preciso.
Facciamo partire dei mail bombing, aiutati da Resistenza animale, per convincere tutte le persone coinvolte nel suo salvataggio a riconoscere il suo gesto.
Il primo mail bombing ha smosso le acque e gli ha assicurato la salvezza, poi ne sono dovuti seguire altri quando la situazione sembrava essere in stallo e tutti questi appelli sono stati accolti con entusiasmo.
In tantissimi avete scritto… dopo la prima settimana ci dicevano che erano arrivate 1000 mail almeno!
Nel frattempo restavamo in contatto stretto con il Comune e l’Asp anche grazie ad Alessandra, volontaria Enpa, che nonostante sia sempre straimpegnatissima e superattiva tra la sua famiglia e gli animali che salva e fa adottare, è stata i nostri occhi e le nostre orecchie a Messina per tutto questo tempo.
Sono passati gli esami e le vaccinazioni, sono passate le ferie e finalmente, dopo 5 mesi, è arrivato l’affido!
Poi gli ultimi ostacoli burocratici risolti grazie all’Enpa nazionale ai quali siamo davvero molto grati per l’aiuto datoci.
E finalmente, eccolo qui!
Tutto questo grazie anche a voi…. tutte e tutti voi che avete accolto non il nostro appello, bensì il suo appello!
Appello alla resistenza che Scilla ha voluto lanciare nella maniera più plateale: gettandosi in mare, tentando la fuga nuotando, ribellandosi rifiutandosi di salire di nuovo in un’altra nave ancora per raggiungere la sua destinazione… il Libano.
Scilla è riuscito grazie a tutt* noi ad uscire da questo sistema.
E’ stato affidato a noi come animale NON da macello, una definizione che lo rende libero dall’industria della carne e del latte.
Una definizione necessaria per poter entrare nel nostro rifugio che ora sarà la sua casa, in quanto qui nessuno è da macello o meglio, tutt* sono fuori dalla catena alimentare.
Il nome Scilla è stato scelto da noi per alcuni motivi: essendo in alcuni articoli chiamato “mucca” ed in altri “vitello” e non avendo per noi nessuna rilevante importanza il sesso o genere di appartenenza di alcun individuo, abbiamo deciso di ribattezzarlo così perchè il nome Scilla, con qualche variazione e anagramma, ricorda il nome Sicilia.
Inoltre, come spiegato nel prologo, per il legame di questo nome con Messina e per ricordare quello che questa città ha fatto per lui.

Vuole essere anche un richiamo alla Calabria, visto che pochi giorni dopo la vicenda di Scilla, una vitellina proprio in provincia di Reggio Calabria ha tentato anch’essa la fuga.
Fuga che non è finita bene come per lui visto che è stata uccisa a colpi di fucile.
Quindi si, il richiamo anche alla Calabria è voluto in onore suo, vitellina per la quale nessuno ha potuto intervenire perchè troppo frettolosamente è stata decisa la soluzione più rapida e letale.
In cuor nostro rimarrai sempre un triste ricordo piccola Calabria, per noi sarai sempre la nostra Cariddi.

Comunque almeno Scilla è riuscito a sfuggire ed è un grande regalo oltre che per lui ovviamente, anche per noi e per le nostre amiche mucchine.
Qui troverà una madre che lo aspetta, una madre alla quale avevamo fatto una promessa.
Una madre che quasi un anno fa perdeva il suo ultimo figlio perchè credeva di aver perso la speranza.
Le avevamo promesso di salvare un altro figlio in nome del suo, in nome di Siria per ravvivare quella speranza che troppo spesso si affievolisce sommersa dalle brutte notizie.
E così è stato fatto, ad ogni costo, perchè una promessa fatta ad una mucca è una promessa solenne che va onorata.

Si chiude così un cerchio.
Le 3 mucchine di Suzzara e i discendenti della loro storia: Siria, Stella e ora Scilla.
3 vitelli diversi, dalla storia diversa, dalla sorte diversa ma con tante cose in comune da raccontare.
Che per noi è una nuova promessa da mantenere.

Ringraziamo Resistenza Animale che ci ha aiutati diffondendo gli appelli, ringraziamo tutte le persone e le associazioni che ci hanno aiutato diffondendo e scrivendo solidarietà, ringraziamo l’Enpa per l’intervento prezioso di Alessandra che non smetteremo mai di adorare per l’impegno che ha messo in questi quasi 7 mesi, ringraziamo l’assessore Ialacqua, il Sindaco Accorinti e i dottori Ruggeri e Calabrò dell’Asp di Messina che, nonostante i mille inghippi burocratici, hanno permesso la sua salvezza, ringraziamo tutt* voi che in questi mesi avete chiesto sue notizie e avete diretto anche solo per un attimo i vostri pensieri a questo bel vitellozzo.

Grazie a chi dall’inizio ci ha aiutati economicamente per sostenere le spese del viaggio e della recinzione di ambientazione con benefit e donazioni e grazie a chi vorrà aiutarci ora per la castrazione (obbligatoria) e per le altre spese relative al suo mantenimento, alle visite e alla sua riabilitazione oltre che per le altre spese del rifugio.
Chi volesse darci un altro aiutino quindi, lo può fare con una donazione qui:

conto Banca Etica n° 216509 Intestatario AGRIPUNK ONLUS 
IBAN IT47 C050 1802 8000 0000 0216 509
causale “donazione per Scilla” o “donazione per recinzioni”